5° Tappa #roadtosarajevo – Da Vrelo Korenicko a Bosanski Petrovac attraverso il confine croato bosniaco

La quarta tappa del nostro #roadtosarajevo è stata una tappa di relax una giornata immersi nel favoloso parco dei laghi di Plitvice oggi però si torna a fare sul serio. Apriamo le finestre e rimaniamo quasi sbalorditi quando vediamo che il paesino di Vrelo Korenicko è completamente avvolto dalla nebbia; non che non abbiamo mai visto la nebbia visto che abitiamo nella bassa bergamasca la conosciamo bene ma ritrovarcela anche in agosto in terra croata quello no non ce l’aspettavamo. Colazione e bici cariche, siamo di nuovo in sella, accendiamo le luci ed iniziamo a pedalare.#RoadtoSarajevo-223

I primi chilometri sono lenti dobbiamo tornare ad ingranare la marcia inoltre il fresco ed umido mattutino rallenta terribilmente i movimenti delle gambe. Lentamente, proprio come il nostro andamento, il sole fa capolino al sesto chilometro una lunghissima discesa tecnica e molto veloce ci attende, lasciamo correre le bici ma non troppo perché il freddo diventa pungente, sosta veloce per indossare un nuovo strato di vestiti, almeno sulla parte alta del corpo, e via di nuovo in discesa. La discesa si propina lunga e veloce fino al chilometro ventidue quando su un tratto pianeggiante ci appare il confine croato bosniaco, il nostro #roadtosarajevo sta prendendo sempre più piede. #RoadtoSarajevo-222La frontiera è deserta giungiamo al primo dei tre controlli passaporti e l’ufficiale ci guarda un po’ stranito forse perché a differenza delle altre persone che ha visto passare noi siamo in bicicletta boh, forse semplicemente non gli ispiravamo fiducia; il secondo ed il terzo controllo passaporti invece sono più veloci quasi inesistenti, un saluto ed un buon viaggio detto in un inglese strano. Siamo in Bosnia y Herzegovina, ora #roadtosarajevo assaporerà nuovi odori e profumi di una nuova nazione. La strada prosegue veloce in discesa appena giungiamo al primo paesino abitato ci accorgiamo subito delle differenze  del paesaggio circostante; le case sono molto trasandate e i segni della recente guerra sono ancora ben visivi, i cartelli con scritto PRODAJEM (vendesi) compaiono ovunque; inoltre compaiono le prime moschee con i minareti immerse nel verde naturale così solitarie quasi a volere tenere alto un valore, un significato.#RoadtoSarajevo-229

Giungiamo a Bihac la prima  grande città che troviamo lungo il percorso, subito siamo ricatapultati alla realtà. La città è grande immensa e caotica ci fermiamo giusto per prelevare qualche marco bosniaco e risaliamo subito in sella. Qualche chilometro e usciamo dal caos cittadino, già l’animo è appagato; la strada inizia a salire nuovamente ma la natura circostante rende il tutto più piacevole inoltre i primi avvistamenti di rapaci nel cielo e di volpi ai lati della strada ci carica a molla. #RoadtoSarajevo-228Senza nemmeno accorgerci fra continui sali scendi percorriamo poco meno di cento chilometri quando giungiamo alla cittadina di Bosanski Petrovac dove decidiamo di fermarci per passare la notte ma ahimè non ci fu scelta peggiore infatti, nonostante sulla cartina fosse segnata come una grande città, non erano presente posti per dormire a patto di un unico motel, di discutibile aspetto e dall’aria per niente tipica, lungo la strada principale. Consultiamo la cartina e chiediamo informazioni ma il prossimo paese con posti per dormire era a poco meno di cinquanta chilometri così decidiamo di cedere al “fascino ambiguo” del motel. Abbandoniamo le bici e le borse e dopo una doccia ci rechiamo nel piccolo centro cittadino alla ricerca di un supermercato per fare un po’ di spesa, la gente ci guarda in modo curioso, chiediamo un’informazione riguarda ad una via e subito scatta il parapiglia generale, capiamo che questa città vede raramente turisti alla faccia della grande città segnata sulla cartina. La signora a cui chiediamo l’informazione non capisce l’inglese e nelle vicinanze anche tutti gli altri presenti ma non c’è problema dopo un veloce via vai generale ecco che appare una ragazza, scomodata dal suo lavoro probabilmente, che parla inglese e ci dona le informazioni sulla via cercata. E’ ora di rientrare nel motel per stilare il percorso di domani del nostro #roadtosarajevo nell’entroterra bosniaco.

La traccia GPS della quinta tappa di #roadtosarajevo: Vrelo Korenicko – Bosanski Petrovac

Inoltre ecco i link di lettura delle tappe precedenti….

Trieste – Il prologo al nostro #roadtosarajevo

1° Tappa – Da Trieste a Fiume attraversando la Slovenia

2° Tappa – Da Fiume a Senj lungo la costa croata

3° Tappa – Da Senj a Vrelo Korenikco entroterra stiamo arrivando

4° Tappa – Una giornata nei meravigliosi parchi di Plitvicka Jezera

Precedente #Nonpartosenza – Le cose che difficilmente lascio a casa quando parto Successivo Milano – #in10scatti