Berlino – Viva, dinamica, alternativa: uno sguardo alla capitale tedesca

Nell’agosto 2007 complice l’estate afosa italiana abbiamo deciso di spingere i nostri corpi più a nord per respirare aria fresca; la prima meta del nostro viaggio è stata Berlino, la capitale tedesca. Arriviamo a Berlino in treno di primissima mattina ancora assonnati e subito la stazione in cui veniamo catapultati ci disorienta; infatti la Hauptbanhof, ristrutturata a nuovo l’anno precedente ed inaugurata ufficialmente il 26 maggio 2006, risulta essere la più grande stazione ferroviaria d’intersezione su più livelli di tutta Europa, oltre ai classici binari dei treni giungono le varie linee della metropolitana e svariati negozi e fast-food tanto da farla sembrare un centro commerciale vero e proprio. Subito dal viavai mattutino capiamo che siamo ospiti di una capitale viva, dinamica che stenta a fermarsi, Berlino infatti è probabilmente una delle città più vive, dinamiche, alternative e sorprendenti di tutta l’Europa. Unacapitale dalle infinite potenzialitàe dai mille volti, dove trovarsi faccia a faccia con la storia e le contraddizioni dell’Europa contemporanea, incontrare persone dai look insoliti, conoscere le nuove tendenze in fatto di musica, arte, moda, cinema… Visto che l’eco del POPOPOPOPOPOPOOO vittoria mondiale dell’anno precedente risuonava ancora troppo forte e vista la nostra voglia di isolarci da questo abbiamo deciso di dedicare a Berlino il cosiddetto tour de force di passaggio promettendo a noi stessi e alla stessa capitale che saremmo tornati a visitarla. Ecco cosa abbiamo visto a Berlino in un giorno …

1. Alexanderplatz Come punto di partenza abbiamo scelto Alexanderplatz, in onore di una visita dell’Imperatore russo Alessandro I a Berlino il 25 ottobre 1805. Una volta era un mercato di bestiame ed era definitia la “piazza dei buoi“. E’ un ordinatissimo crocevia di persone, tram e treni, circondata da palazzoni squadrati, con il suo stile socialista e la grossa fontana dell’amiciza dei popoli.

Torre della Televisione
Torre della Televisione

2. Fernsehturm – Torre della televisione La torre della televisione con i suoi 368 metri è uno dei punti di riferimento principali di Berlino. Il design ricorda il fascino della tecnologia degli anni sessanta, con evidenti richiami alla stagione dei viaggi spaziali. Si può salire in cima dove si può ammirare un vasto panorama della città.

3. Unter den Linden – Il viale dei tigli Gli alberi piantati nel 1647 da Federico Guglielmo I di Brandeburgo, che voleva cavalcare nel verde fino al parco di caccia del Tiergarten. Oggi questo viale  ha cambiato radicalmente fisionomia, ma vive ancora dello splendore dei suoi palazzi. L’Università Humboldt, il Kronprinzenpalais, il Staatsoper Unter den Linden, la Cattedrale di Sant’Edvige, lo Zeughaus: avrete solo l’imbarazzo della scelta, fino a che il vostro sguardo verrà rapito dalla Porta di Brandeburgo.

 

4. Brandenburger Tor – Porta di Brandeburgo La Porta di Brandeburgo è alta 26 metri e larga 65 e le sue colonne in pietra creano 5 punti di passaggio. È il monumento più famoso di Berlino ed è conosciuto in tutto il mondo come simbolo della città stessa e della Germania. Attualmente è raffigurata su alcune monete (10, 20 e 50 cent di Euro) emesse dalla zecca tedesca.

Porta di Brandeburgo
Porta di Brandeburgo

5. Holocaust-Mahnmal – Memoriale per gli ebrei assassinati Se camminando per la capitale tedesca vi ritroverete davanti ad una distesa di 2.711 blocchi rettangolari in calcestruzzo vuol dire che vi siete imbattuti nel Holocaust Mahnmal ovvero il Memoriale dell’Olocausto dedicato agli ebrei vittime della Shoah, progettato dall’architetto newyorkese Peter Eisenman. Tutti hanno un’altezza diversa e creano un vero e proprio labirinto: triste e suggestivo per i grandi, divertentissimo per i piccoli.

East Side Gallery
East Side Gallery

6. East Side Gallery E’ il maggior tratto rimasto in posizione originale del muro di Berlino e rappresenta un memoriale internazionale alla libertà. Questa sezione è lunga 1,3 chilometri ed è interamente dipinta con murales e graffiti realizzati da artisti vari: avente come tema centrale la pace o la riunificazione tedesca dopo la caduta del muro. Il muro posteriore fu dipinto nel 1990, dal 1992 è considerato monumento protetto.

COME RAGGIUNGERE BELRINO

Berlino è proprio al centro dell’Europa e di conseguenza raggiungerla è molto semplice anche senza l’ausilio de proprio mezzo privato, vista anche la precisione e puntualità tedesca.

In aereo:

Gli aeroporti principali sono due

·         Schönefeld

Aeroporto a sud-est di Berlino. I mezzi più veloci per raggiungere il centro sono il Taxi, la S-bahn S9 o S45 o il treno regionale RE7 o RB14. Per raggiungere il centro della città con i mezzi pubblici vi servirà un biglietto valido per le zone ABC. Anche diversi bus partono dall’aeroporto di Schönefeld, e sono il mezzo migliore da scegliere se si alloggia nella zona sud-est della città.

·         Tegel

Aeroporto a nord-ovest della città. Per arrivare al centro di Berlino potete prendere un Taxi o uno dei bus che partono dall’aeroporto. Il percorso è di circa 25 minuti fino ad Alexanderplatz, più breve per le zone di Berlino occidentale.

In treno:

Berlino è una città comoda da raggiungere in treno da tutte le direzioni grazie a collegamenti ferroviari veloci, da qualunque posto proveniate. Una delle numerose stazioni si trova sicuramente a portata di mano. La stazione Hauptsbahnof centrale, moderna, in qualità di stazione “crocevia” più grande d’Europa, collega tutte le direzioni e si trova proprio nel cuore di Berlino, vicino al quartiere del Parlamento e del Governo

In auto:

Se arrivate a Berlino in auto dall’Italia passerete per Monaco (München), dove imboccherete la A9. Dopo circa seicento chilometri arriverete in prossimità di Berlino, imboccherete l’autostrada A10 e poi la A115. Questa vi porterà alla A100, l’anello autostradale interno di Berlino. In linea generale se alloggiate nella ex Berlino ovest dovete lasciare l’autostrada appena vicini alla città, se invece alloggiate nei quartieri ad est proseguite diritti seguendo le indicazioni “Zentrum”.

COME SPOSTARSI A  BERLINO

Berlino vanta una rete di trasporti pubblici estesa, efficace e diversificata. L’intero sistema di trasporto pubblico è gestito dalla BVG (Berliner Verkehrsbetriebe Gesellschaft) ad eccezione della S-Bahn, la linea ferroviaria cittadina, comunque integrata in un sistema tariffario unico.

Durante la ricostruzione di Berlino dopo la Seconda Guerra Mondiale si è particolarmente curata la viabilità e le strade risultano ampie e prive di traffico. Inoltre trovare il parcheggio per la propria auto non è un’impresa come in altre metropoli.A Berlino, infine, è possibile spostarsi anche in traghetto seguendo i canali della città, oppure in bicicletta, lungo le numerose piste ciclabili. L’importante è che non vi facciate distrarre dalle simpatiche figure dei semafori berlinesi.

I buffi semafori di Berlino
I buffi semafori di Berlino

DOVE DORMIRE A BERLINO

Berlino offre diverse soluzioni per l’alloggio, ma per l’alto numero di turisti che visitano la città durante tutto l’anno si consiglia di prenotare con largo anticipo. I prezzi standard degli hotel di Berlino sono generalmente alti, ma in alcuni periodi dell’anno ci sono delle tariffe preferenziali. A Berlino inoltre si può anche dormire nel campeggio come abbiamo fatto noi, che abbiamo scelto il Camping TENTSTATION . Berlino come Londra o altre grosse capitali europee non ha un vero e proprio centro delimitato ma è tutto un grande centro pertanto Berlino come  una città moderna e ben organizzata: qualunque sia la zona scelta sarà sicuramente collegata dei mezzi pubblici per spostarsi velocemente in città.

Qui si è concluso il nostro breve e velocissimo tour de force nella capitale tedesca. Voi ci siete stati ? Magari dedicando molti più giorni? Cosa ci consigliate per la prossima visita, cosa vedere ? Dove andare a mangiare e cosa mangiare ? Dove dormire ? Scrivetecelo nei commenti …

Precedente Helsinki - La capitale scandinava a misura d'uomo Successivo Birra d'Europa – Sapore di malto e luppolo dai paesi europei