Cracovia – Centro culturale ,artistico ed universitario della Polonia

Chi non ha sentito parlare oggigiorno della Polonia ??? Mai sentita ?!? Impossibile ! Grazie ai voli low cost ormai anche la Polonia è diventata una meta raggiungibile in un breve volo aereo; inoltre se non l’avete mai visitata avrete sicuramente sentito parlare di lei visto le faccende belle e buone che sono accadute nel suo territorio. Una città molto particolare della Polonia e che mi ha molto colpito, forse un po’ scontata, è Cracovia. Situata nel sud della Polonia, Cracovia p stata per diverso tempo capitale del paese e al giorno d’oggi rimane il principale centro artistico, culturale ed universitario polacco. Il centro storico di Cracovia è iscritto nella lista dell’ UNESCO come Patrimonio dell’Umanità e nel 2013 ha ricevuto dall’UNESCO anche il riconoscimento di città della letteratura, prima città dell’Europa continentale a ricevere questo titolo.

Ma cosa ci ha colpito a Cracovia ??? Ecco cosa visitare e vedere secondo il nostro punto di vista …

IL CASTELLO DI CRACOVIA: Il posto ideale per gli amanti delle leggende; infatti si narra che nel castello vivesse un drago (di cui è riproposta una ricostruzione in ferro e bronzo al di fuori del castello con tanto di fiamme che escono dalla fauci del drago), questo drago terrorizzava la città ma il re promise a chi lo avesse ucciso metà del regno e la figlia in sposa: ci riuscì un calzolaio che fece mangiare al drago una pecora imbottita di zolfo che lo costrinse a bere l’intero fiume di Cracovia (il Vistola) fino a scoppiare! Il Castello di Cracovia però non è solo un luogo simbolo di leggende ma è importante per tutta la nazione; infatti qui venivano incoronati i sovrani del Regno prima che la capitale diventasse Varsavia.

KAZIMIERZ – QUARTIERE EBRAICO: Fondato da re Casimiro, il quartiere era in realtà una città a se stante distinta da Cracovia e circondato da mura. Oggi, anche se non vi è più una la separazione fisica dei luoghi, Kazimierz ha una fisionomia originale distinta dal resto della città. Caratteristici sono i numerosi locali, bar e ristoranti. Da vedere la Sinagoga antica nonché le Chiese del Corpus Domini e di San Stanislao.

KOSCIOL MARIACKI – CHIESA DELLA VERGINE MARIA: Giuà dalla facciata esterna la chiesa si presenta solenne e grandiosa all’interno l’utilizzo di svariati colori rende la visione affascinante e stupisce di sicuro il visitatore. Di notevole importanza il Crocifisso in pietra in fondo alla navata di destra ed il magnifico altare ligneo, collocato nell’abside. Ogni ora dal campanile della chiesa, per ogni lato, suona un trombettiere a ricordo di un soldato polacco che, pur colpito a morte da una freccia, riuscì a suonare l’allarme ed avvertire che i Tartari attaccavano la città!

LA FABBRICA DI SCHINDLER: La fabbrica di Schindler si trova nelle vicinanze del ghetto di Cracovia. Facilmente raggiungibile a piedi (per chi come noi ama a camminare) si raggiunge facilmente  in circa 30 minuti dal centro della cittá. Anche se la fabbrica non è più l’originale merita una visita anche perché  la sua ricostruzione è diventato un percorso museale interattivo sulla deportazione e la storia del XX secolo di Cracovia. Molto interessante capire la storia tramite ricostruzioni dell’epoca con un percorso chei non cade mai nel noioso, ma rimane sempre dinamico ed interattivo.

Un’altra particolarità e stranezza da non perdere se si è a Cracovia è la DAMA CON L’ ERMELLINO che non si capisce bene perché (o forse non ho ben compreso io, ma ha una spiegazione logica)  un’opera così famosa dopo aver girovagato un po’ per l’Europa tra Polonia, Italia e Francia, abbia deciso di fermarsi al Museo Czartoryski di Cracovia insieme a un Rembrandt, un Mantegna e qualche altra importante opera preferendo questo piccolo museo polacco a musei ben più conosciuti nell’Europa e nel mondo.

Come non gustarsi poi una passeggiata senza fretta nel centro storico di Cracovia con i suoi mercati al coperto e all’aperto o perdersi a pensare nella sua centralissima piazza !!!

Inoltre se siete a Cracovia vale la pena fare qualche chilometro per andare a visitare il tristemente noto CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI AUSCHWITZ, del quale non si ha bisogno di dare spiegazioni visto, la sua fama e visto che la visione con i propri occhi vale più di milioni di parole. L’attraversare il cancello con la famosa scritta “Arbeit macht Frei” e venire catapultati in uno dei peggiori periodi storici. Altro luogo da non perdere sono le MINIERE DI SALE DI WIELICZKA, 13 km fuori dal centro di Cracovia, uno spettacolo straordinario da non perdere; queste miniere di sale per secoli hanno fornito sale e ricchezza alla Polonia. Dopo la fine della produzionenon sono state abbandonate ma recuperate per farne un luogo turistico di eccellenza. Stupisce più di tutto la “Cattedrale di Sale”, una vera chiesa di 54 x 12 metri dedicata alla patrona dei minatori polacchi. All’interno di queste miniere sono presenti 300 km di gallerie con bassorilievi, decorazioni, laghetti e anche uno spazio per fare inalazioni saline: le miniere, infatti, sono un vero toccasana per chi soffre di allergie, grazie al microclima stabile e alla purezza dell’aria.

Quindi che ne dite di fare un viaggetto in Polonia o specificamente a Cracovia ??? Noi ci siamo stati e ci torneremmo volentieri anche subito !!! Voi ci siete già stati ?? Come vi è sembrata consigli per nuovi posti da visitare !!! Scriveteceli sotto nei commenti …..

Precedente Parigi - 10 cose da non perdere nella Ville Lumière Successivo AirDolomiti presenta il nuovo volo Milano/Bergamo - Monaco