Festival del Film di Locarno – Fra emozione e passione per un grande evento

 

Avete mai chiuso gli occhi ed immaginato di assistere ad una “VERA” proiezione cinematografica all’aperto con silenzio come in un’autentica sala cinematografica con le stesse regole ed il solo cielo carico di stelle a farvi da soffitto ? Pensate che aprendo gli occhi tutto questo svanisca in un baleno, che tutto questo non sia possibile ?  Vi sbagliate !!! Probabilmente non conoscete ancora il Festival del Film di Locarno con la sua Piazza Grande, una sala di proiezione d’eccezione, una delle più grandi del mondo, una vera sala all’aperto con i soli edifici perimetrali della piazza a far da mura ed il cielo a far da soffitto. Ospitante uno schermo di 26 metri di lunghezza e 14 d’altezza, un impianto audio degno di nota e con la possibilità di consentire la visione ad una platea di 8000 spettatori silenziosi che rispettosi del vicino di posto e di tutte le altre persone presenti assistono alla proiezione di un film. Questa è Locarno, la sua Piazza Grande ed il suo favoloso Festival del Film giunto quest’anno alla 67°edizione che si svolgerà dal 6 al 16 di agosto.

39 - LOC67-pardo-4-POSMa tornando un attimo indietro, perché vi stiamo parlando di Locarno e del suo festival del film ???

Festival del film Locarno 2010
Il PARDO D’ORO
copyright Festival del film Locarno

Durante il nostro #girodelgusto (qua l’articolo introduttivo) abbiamo avuto la possibilità, oltre che di soggiornare in questa cittadina di 16000 abitanti posizionata sulla sponda settentrionale del Lago Maggiore ed appartenente al Canton Ticino, di parlare direttamente con due rappresentanti organizzativi del Festival del Film di Locarno; Alessandro il responsabile dei “Pardi di Domani” (la rassegna che presenta cortometraggi e mediometraggi realizzati da giovani autori indipendenti o da studenti di scuole di cinema che ancora non si sono cimentati con il lungometraggio) ed Olmo il capo dell’Ufficio Stampa. Parlando con loro era comprensibile già da subito attraverso le loro parole quanto entusiasmo, passione ed organizzazione sia presente in un Festival come quello di Locarno; infatti il festival costituisce la più importante manifestazione cinematografica elvetica ed é riconosciuto come festival competitivo dalla Federazione internazionale delle associazioni dei produttori di film insieme ai Festival di Cannes, Berlino, Venezia. La statuetta tanto acclamata e ricercata è il Pardo d’oro; la statuetta raffigurante il felino anche se a dir la verità questo non è stato da sempre l’emblema del Festival poiché prima degli anni sessanta il premo era rappresentato da una vela. 

Il Festival del Film di Locarno è un festival dalla vastissima e variabilissima programmazione di qualità, ricca, eclettica, sorprendente, dove talenti emergenti camminano fianco a fianco con ospiti di prestigio; un festival multiculturale, vetrina di film e trampolino di lancio unico per nuovi film provenienti da tutte le parti del mondo. Oltre alle varie sezioni e premi al Festival locarnese è presente la ormai nota e celebre Retrospettiva la sezione dedicata alle grandi monografie storiche (quali Mario Camerini, Sacha Guitry, Frank Tashlin, Orson Welles, ecc.) alle programmazioni tematiche (cinéma soviétique, L’Asie à Hollywood, Manga Impact), dagli ampi tributi a cineasti contemporanei (tra cui Youssef Chahine, o il nostro Nanni Moretti) alle retrospettive complete di registi che hanno segnato la storia del cinema (come Ernst Lubitsch e George Cukor).Quest’anno la retrospettiva della 67° edizione sarà dedicata alla Titanus la casa di produzione italiana nota per aver prodotto tra le sue file film di nota fama quali: Fermo con le mani, La storia di una capinera, Rocco e i suoi fratelli, Il Gattopardo e molti altri .

Come detto il Festival del Film di Locarno però non è solo il “main stage” di Piazza grande, o la sala di proiezione dell’Auditorium Fevi (con i suoi 3000 posti) o l’Ex sala cinematografica Rex (450 posti), conosciuta dagli aficionados del Festival come la sede ufficiale delle proiezioni della retrospettiva, il festival è anche qualcosa di intimo di spettacoli più “privati”; ad esempio andando al cinecentro Rialto, situato a pochi passi dalla stazione di Locarno, che con le sue tre salette (180, 104 e 91 posti) permette di vivere un’esperienza profonda e dove magari se si è fortunati si ha la possibilità di mettersi in fila all’ingresso con un personaggio famoso e chissà scambiare due parole con il proprio regista preferito o perché no magari fare una battuta direttamente a Tarantino.

Venues
Piazza Grande gremita per la proiezione
copyright Festival del film Locarno

Il Festival del Film oltre che ad essere un importante punto di incontro ed interesse per la cultura mondiale è innegabilmente un importante evento per la città, per i suoi alberghi, ristoranti e per i cittadini stessi basti infatti pensare che durante i giorni del Festival una cittadina come Locarno vede transitare circa 160000 persone praticamente 10 volte tante i suoi abitanti, spettatori che si riversano nei 10 luoghi e sale di proiezione con la possibilità di assistere ad oltre 200 lungometraggi e circa 60 cortometraggi in rappresentanza di una cinquantina di paesi del mondo, un’esperienza davvero unica.

Pertanto se volete assistere ad un vero evento cinematografico ricco di storia e cultura, sfarzoso ma allo stesso tempo intimo non potete non recarvi al Festival del Cinema di Locarno che quest’anno si svolgerà dal 6 al 16 agosto per la sua 67esima edizione .

 

Precedente Giro del gusto - Un viaggio alla scoperta dei gusti svizzeri Successivo Parigi - 10 cose da non perdere nella Ville Lumière